Etna Doc Rosso. Contrada Santo Spirito 2015
Press

Debutta a Milano il nuovo vino Etna Doc Rosso della Cantina Palmento Costanzo

Con un pranzo dedicato solo a pochi giornalisti del settore, è stato presentato a Milano Contrada Santo Spirito Etna Doc Rosso 2015, il nuovo vino della cantina Palmento Costanzo.

L’etichetta prende il nome dall’omonima località, nel borgo di Passopisciaro, sul versante nord dell’Etna, zona ad altissima vocazione vitivinicola, ad un’altitudine di 700-800 metri s.l.m., su suoli composti per il 70 % da sabbie vulcaniche nere e brune e per la parte restante di sassi e rocce effusive.

Il vino è il risultato di un assemblaggio di Nerello Mascalese 90% e Nerello Cappuccio, attraverso un’accurata selezione dei grappoli raccolti a mano da vigne secolari allevate ad alberello (tutti sostenuti da pali di castagno). Ne sono state prodotte solo cinquemila bottiglie dalla vendemmia 2015, effettuata tutta a mano a fine del ottobre.

“Questo nuovo vino, commenta Valeria Agosta, titolare della cantina insieme al marito Mimmo Costanzo “rappresenta il vertice della nostra produzione ed esprime l’anima più profonda del nostro terroir, in cui è fondamentale il legame con l’Etna: abbiamo perciò selezionato le vigne più antiche (spesso con oltre un secolo di vita) e abbiamo prestato la massima cura a ogni particolare, per ottenere un prodotto del quale siamo orgogliosi”.