Pota verde - Vigna Etna
Blog

Germogliamento della vite, ambasciatore di primavera sull’Etna

Il germogliamento della vite rappresenta la fase in cui l’alberello si risveglia e comincia a colorare l’Etna di sfumature verdi.
Ecco cosa avviene nella vigna di Palmento Costanzo a maggio.

La primavera è una stagione ricca di sensazioni in vigna. La natura, dopo un lungo sonno, torna a fare sentire la sua linfa vitale che scorre: il cielo si tinge di una nota più forte, l’aria  diventa più tiepida, il verde diventa il colore predominante. Le nostre viti ad alberello si risvegliano dal sonno invernale.
Le viti di Nerello Mascalese, Nerello Cappuccio, Carricante, Catarratto e del nostro vigneto sono già al lavoro per i vini della nuova stagione. Se volete visitare il vulcano Etna, questo è un periodo meraviglioso per farlo!
Ecco cosa troverete nella nostra vigna pronta per i nuovi vini Palmento Costanzo.

Dopo il periodo invernale, il primo segnale del risveglio è la fase del pianto della vite

Nel mese di maggio si sprigionano le energie, dedicando al germogliamento della vite gran parte dell’attività. Sono piccoli segnali di vitalità, eppure il germogliamento ha bisogno di tutta l’energia della pianta che, dopo l’inverno, utilizza le riserve di amido e gli altri nutrimenti per iniziare il suo ciclo produttivo.
Occorrono tra gli 8 e i 10 gradi per risvegliare le energie della pianta. In questa primavera atipica le temperature sono state altalenanti, ma il germogliamento ha proseguito il suo corso, anche se un po’ più lentamente del solito. In vigna assistiamo da tanti anni a questo piccolo miracolo, ma ogni nuovo risveglio porta con sè una piccola quota di stupore.
Attendiamo che arrivino le temperature intorno ai 20 gradi per cominciare con la fioritura, ma sappiamo che in natura il lavoro più importante è quello invisibile agli occhi umani. Con pazienza e soprattutto grande fiducia, ci godiamo lo spettacolo di un racconto muto che delle variazioni impercettibili di colore fa l’annuncio della nuova annata che verrà nella cantina Palmento Costanzo.
Non vediamo l’ora di raccontarvela.